Inestetismi vascolari

Cambio abilitato

Gli inestetismi vascolari riguardano alterazioni o modificazioni del sistema vascolare e possono essere ereditarie oppure acquisite nel corso del tempo. I principali inestetismi vascolari sono: - capillari - teleangectasie - varici - microvarici - couperose-rosacea - angiomi
Inestetismi vascolari
Inestetismi vascolari
Prezzo
0,00
ANGIOMA



Gli angiomi sono inestetismi vascolari benigni che solitamente riguardano vasi sanguigni più o meno superficiali.
Solitamente l'angioma viene definito con il termine popolare di "voglie.
Nella maggior parte dei casi un angioma (o emangioma) si manifesta con chiazze rosso vinaccia, non in rilievo
rispetto alla pelle, ma permanenti nel corso degli anni.
Queste macchie (alterazioni localizzate della cute) tendono ad allargarsi e ad accentuarsi nel tempo e hanno un'origine
di tipo vascolare, costituita spesso da una proliferazione di vasi sanguigni o di vasi linfatici.   Per cancellare
un angioma si utilizzano terapie compressive, farmaci steroidei sistemici od intralesionali, e sopratutto la terapia
chirurgica o i trattamenti laser.
Gli angiomi inoltre vengono suddivisi, a seconda della loro forma, rilevanza e colore, in angiomi piani, stellati, rubino.

Come si forma l'angioma?
L'angioma può essere di natura malformativa o neoplastica benigna.
Un angioma o emangioma è una macchia della pelle, provocata da una dilatazione dei capillari sanguigni.
Gli angiomi si presentano come macchie della pelle non in rilievo, di varia forma e dimensione, di colorito dal rosa
pallido al rosso bluastro, e compaiono con maggiore facilità sul viso.
Gli angiomi od emangiomi sono già presenti alla nascita o talvolta compaiono nei primi mesi di vita del neonato.
Gli angiomi tendono a rimanere senza modificazioni e involuzioni, durante l'infanzia per divenire più scuri nell'adolescenza
 e poi nell'età adulta, ma di frequente dopo la fase di crescita iniziale comincia una fase di regressione spontanea che
 può portare alla scomparsa completa o parziale dell'angioma nel corso di alcuni anni.
Raramente gli angiomi possono essere associati a sindromi vascolari, ma solitamente sono manifestazioni - inestetismi isolati.

Quale terapia con il laser per cancellare un angioma?
Gli angiomi, siano essi piani, stellati, rubino, possono essere rimossi con successo utilizzando il Dye laser,
la Luce pulsata (IPL), e n-yag in base alla tipologia dell'angioma e ciò si valuta solo dopo visita medica.
Ricordiamo che i trattamenti laser per cancellare un angioma, possono richiedere dalle due alle tre sedute a
seconda della dimensione ed estensione dello stesso.
Il trattamento laser più indicato, può essere valutato dal medico stesso, soltanto dopo una prima visita in studio.



TELEANGECTASIE



I capillari (teleangectasie) sono uno degli inestetismi più diffusi e comuni al giorno d'oggi, e interessano
principalmente le gambe, dove possono manifestarsi in varie zone.
Possono comparire sia negli uomini che nelle donne e ricordiamo che, pur essendo importanti da un punto di vista estetico,
è sempre meglio effettuare un doppler per scartare la possibilità di una patologia venosa.

Cosa sono le teleangectasie?
In realtà, non si tratta di "capillari" veri e propri bensì di un reticolo di varia forma ed estensione costituito
da piccole vene dilatate, vere e proprie minuscole vene varicose sottilissime ( dette microvarici o teleangectasie).
Il diametro di queste piccolissime vene è di solito calibro compreso tra 0,1 e 1 mm ma talvolta può essere superiore.
I veri capillari sono in realtà molto più sottili e non si vedono ad occhio nudo.

Tipi di teleangectasie
Esiste una classificazione delle teleangectasie legata alle cause che le hanno provocate:

Teleangectasie determinate da squilibri ormonali
Si localizzano sulla superficie delle cosce, ed è frequente che appaiano nel menarca, durante la menopausa, la
gravidanza o con l’utilizzo della pillola anticoncezionale.

Teleangectasie da insufficienza venosa
Sono di solito associate ad altri tipi di varici e accompagnate da sintomi di insufficienza venosa.
Si trovano più facilmente nel dorso del piede,dietro al malleolo, nelle gambe ed in particolare sulle cosce.

Teleangectasie finissime causate dalla debolezza del sistema capillare
Si localizzano prevalentemente verso la fine delle gambe e sono provocate dai raggi UV, dal calore o dal freddo.

Varici reticolari
Spesso sono le vene che alimentano le zone interessate dalle teleangectasie:
Spesso sono un sintomo di insufficienza venosa, ed è buona norma trattarle prima delle teleangectasie per evitare che
queste ultime ricompaiano successivamente.

Teleangectasie matting
Possono comparire dopo la iniezione di sostanze sclerosanti o in seguito ad interventi di flebectomia.
Non si verificano di frequente e la loro comparsa può dipendere da fattori predisponenti della paziente oppure da una
tecnica di intervento non corretta (es. se il liquido iniettato ha una concentrazione eccessiva, o se ne viene inettato
troppo, se è eccessiva la pressione di iniezione, se non viene fatta una terapia di compressione).
Tra i fattori predisponenti della paziente ricordiamo le terapie ormonali, l'obesità, la familiarità.
Nella maggior parte dei casi il matting sparisce spontaneamente entro sei mesi, ma nei casi in cui invece persista, può
 essere utile ricorrere alla terapia laser utilizzando il dye laser o il laser 532 KTP.

Da cosa nascono le teleangectasie?
la comparsa di questi inestetismi vascolari è preceduta, talora per anni, da un danno ai capillari "veri" e le più piccole
venule che, nelle zone vicine a dove in futuro appariranno le teleangectasie si presentano tortuose e dilatate
In altre parole la comparsa delle teleangectasie è preceduta da un danneggiamento dei capillari veri e propri, da cui si
deduce l’importanza di un’azione preventiva che protegga il sistema microcircolatorio, impedendo che avvenga il
danneggiamento che produrrà in seguito la comparsa delle teleangectasie.



COUPEROSE



La couperose si manifesta prevalentemente nelle donne ed è un inestetismo cutaneo che consiste nella
comparsa di un arrossamento intenso e cronico localizzato prevalentemente sulle guance e/o sui lati del naso.

Che cos'è?
E’ essenzialmente una dilatazione dei capillari e delle venule delle guance e del naso e tende ad accentuarsi
soprattutto dopo i pasti oppure dopo esposizioni al caldo o al freddo.
Se particolarmente frequente può indurre nel tempo la comparsa di teleangectasie ovvero la formazione di una
sottile rete di capillari rosso-violacea visibile attraverso l’epidermide.
A seguito di couperose si può inoltre manifestare una dermatosi che è definita acne rosacea.

Che cos'è l'acne rosacea?
L'acne rosacea è una malattia infiammatoria della pelle (non contagiosa) e di solito colpisce la parte centrale del viso.
Oltre ai problemi di pelle, la rosacea può provocare manifestazioni oculari e cheratite.
Pur assumendo a volte un aspetto acneico si differenzia dall'acne essenzialmente per l'età di insorgenza e per
l'assenza di comedoni. La rosacea colpisce prevalentemente persone di carnagione chiara.

Da cos'è provocata?
La couperose-rosacea è provocata da un insieme di fattori:
  • Fragilità dei vasi costituzionale oppure acquisita
  • Fattori di tipo emozionale, ormonale, allergico
  • Temperatura
  • Radiazioni solari

Ma non dimentichiamo che i fattori neuro-vegetativi, endocrini e ambientali svolgono un’indubbia influenza nella
comparsa della coupersose.
Un’anormalità neurovegetativa infatti, causata da una digestione difficile, l’ingestione di alcolici e la stipsi
ostinata sono tutte cause di infiammazione, di liberazione di istamina e con il tempo sono situazioni che favoriscono
la manifestazione di couperose.
Può essere eliminata con successo utilizzando il laser Kpt, il Dye laser, oppure la Luce pulsata (IPL).
Il trattamento può richiedere dalle due alle tre sedute a seconda dell'estensione.

Consigli utili
Per prevenire e combattere la couperose può essere utile seguire alcune raccomandazioni di ordine generale:
Occorre tenere presente che i fattori ambientali e climatici influenzano il microcircolo e quindi variazioni brusche di
temperatura, il caldo, le radiazioni solari, l’umidità eccessiva, il vento peggiorano la couperose.
Evitare quindi il sole, il vino, la birra, le forti emozioni, i cibi piccanti.
Seguire un’alimentazione corretta limitando il più possibile l’assunzione di alcolici e caffè.
Evitare l’utilizzo di prodotti cosmetici irritanti.
Adottare uno stile di vita sano e regolato.
Proteggere la pelle dai raggi solari e dal freddo