Infiltrazioni

Cambio abilitato

Le infiltrazioni possono essere a base cortisonica, acido ialuronico o PRP.
Infiltrazioni
Infiltrazioni
Prezzo
0,00
Le infiltrazioni di cortisone sono iniezioni che possono aiutare ad alleviare il dolore e l’infiammazione in una zona specifica del corpo.
Le infiltrazioni al cortisone sono effettuate frequentemente alle articolazioni come la caviglia, il gomito, l’anca, il ginocchio, la spalla, la mano, il polso e la colonna vertebrale.
Iniezione,injection,cortisone,spalla,infiltrazione,anti,infiammatorio,dolore
Anche le piccole articolazioni di mani e piedi possono trarre beneficio da queste iniezioni, può essere utile anche nel trattamento del tunnel carpale.
L’efficacia nella cura della fascite plantare o del  dito a scatto è scarsa, per questi disturbi è meglio considerare altre terapie.
Le infiltrazioni di cortisone comprendono un farmaco a base di steroidi e un anestetico locale.
In molti casi, le infiltrazioni possono essere somministrate nello studio del medico curante.
Tuttavia, il numero di iniezioni che è possibile ricevere in un anno è limitato a causa di potenziali effetti collaterali del farmaco.

Le infiltrazioni di acido ialuronico sono utilizzate nel trattamento conservativo dell'artrosi. Questa tecnica, sperimentata per la prima volta all'inizio degli anni '70 del secolo scorso, prevede l'iniezione intra-articolare di sodio ialuronato. Infiltrazioni Acido IaluronicoDa allora, studi internazionali e ampie casistiche hanno confermato l'efficacia delle infiltrazioni di acido ialuronico, soprattutto nel trattamento della gonartrosi (artrosi del ginocchio) e della coxoartrosi (artrosi dell'anca).
L'iniezione intra-articolare di acido ialuronico è nota anche come viscosupplementazione, in riferimento alle proprietà visco-elastiche di questa sostanza.

Infiltrazioni di PRP
Il Plasma Ricco di Piastrine (PRP), anche definito gel autologo di piastrine (Autologous Platelet Gel) , plasma ricco di fattori di crescita (PRGF) o concentrato di piastrine (PC), è essenzialmente un aumento della concentrazione di piastrine autologhe sospese in una piccola quantità di plasma dopo la centrifugazione del sangue del paziente stesso.
Negli ultimi anni si sono sempre più sviluppati ed approfonditi gli studi sui fattori di crescita. Le nuove scoperte e la conoscenza dell'importanza e del ruolo di questi fattori ha creato un crescente interesse per un loro possibile utilizzo terapeutico. Il termine "fattore di crescita" (spesso usato nella forma inglese "growth factor" – G.F.- o con il termine generico di "ormone della crescita") si riferisce a proteine capaci di stimolare la proliferazione e la differenziazione cellulare.

 Il Platelet-Rich Plasma, plasma arricchito in piastrine comunemente indicato con l'acronimo P.R.P., è un prodotto di derivazione ematica studiato da numerosi anni in diverse branche della medicina, il cui razionale d'uso risiede nel fatto che le piastrine, di cui è ricco il P.R.P., rilasciano numerose sostanze che promuovono la riparazione tissutale e influenzano il comportamento di altre cellule modulando l'infiammazione e la neoformazione di vasi sanguigni. Le piastrine infatti giocano un ruolo fondamentale nel mediare la guarigione del tessuto danneggiato grazie alla capacità di liberare fattori di crescita, tra i quali il PDGF, il TGF β, il VEGF, l'IGF-1, l'FGF, e l'EGF. I granuli contenuti nelle piastrine sono anche una fonte di "citochine", "chemochine" e molte altre proteine variamente coinvolte nello stimolare proliferazione e maturazione cellulare, nel modulare l'infiammazione e attivare altre cellule regolando l'omeostasi tissutale ed i processi rigenerativi.