Rinomanometria anteriore attiva

Cambio abilitato

Il paziente viene invitato a soffiarsi il naso, gli si rammenta che deve respirare solo dal naso, e che la bocca deve rimanere perfettamente chiusa durante l'esame.
Rinomanometria anteriore attiva
Rinomanometria anteriore attiva
Prezzo
0,00
Si prepara un cerotto adesivo di dimensioni adatte alla narice del paziente (generalmente 2.5 per 5 cm), lo si fora al centro e vi si inserisce l'estremità di un sottile tubo di silicone (direttamente o con un adattatore tipo "bottone da camicia") che sporge dalla superficie adesiva per qualche millimetro. Il diametro interno del tubo non deve essere inferiore a 2 millimetri. Si applica quindi il cerotto alla narice, partendo dal labbro superiore e provvedendo di non andare al di là della columella per non ostruire la narice controlaterale. A questo punto, si deve controllare la tenuta del cerotto: l'esaminatore chiude sia la narice respirante sia l'apertura del tubicino, e invita il paziente ad espirare dal naso. Se il cerotto sigilla perfettamente la narice, si noterà un rigonfiamento dell'ala nasale. Se ciò non si verifica, bisognerà ripetere correttamente l'operazione. Un'altra misura preliminare consiste nella verifica della pervietà del tubicino e dell'adattatore, che possono risultare ostruiti da secrezioni o da impurità. L’esaminatore chiude la narice e invita il paziente a espirare dal naso. La mano tenuta in prossimità dell'estremo libero del tubo verificherà il passaggio d'aria.

Prima di connettere l'estremità libera del tubicino al terminale del trasduttore di pressione differenziale, l'esaminatore provvede a riportare sulla linea dello zero le tracce di flusso e pressione (in caso di registrazione parallela in continuo di DeltaP e V oppure all'origine il punto oscillante (nel caso di registrazione in sistema x-y), in modo da eliminare quei piccoli valori spuri, derivanti da pressioni non nulle nel tubicino di collegamento, o da una posizione non perfettamente perpendicolare della maschera.

Si applica la maschera sul viso del paziente, ci si assicura che il tubicino non si angoli all'interno della maschera, e si verifica la tenuta della maschera al viso. Si invita quindi il paziente a respirare tranquillamente e a tenere la bocca chiusa (Fig. 481). Quando il paziente si è adattato alla maschera e ha ripreso il normale ritmo respiratorio, l'esaminatore dà il via alla registrazione. Terminata l'acquisizione, si rimuove la maschera dal viso, si stacca il cerotto e si ripete l'operazione dal lato opposto. A questo punto l'esame rinomanometrico di base è completato, mentre il calcolatore provvede in tempi rapidi all'elaborazione dei dati.